STORIE DI QUOTIDIANO RAZZISMO….(ovvero lo straniero è sempre il primo ad essere incolpato)

GUERRIGLIA URBANA FATTA DI RISSE, PESTAGGI A GENTE DI COLORE, FATTI DI CRONACA CHE MOLTISSIME VOLTE VANNO A FINIRE NEL SANGUE.
IL MOTIVO QUESTA VOLTA NON E’ IL POTERE O IL PROFITTO COME I GRANDI SCONTRI INTERNAZIONALI CI INSEGNANO MA UNA COSA CHE PRESA PER SE STESSA PUO’ SEMBRARE, ED IN EFFETTI LO E’, UNA MOTIVAZIONE ALQUANTO STUPIDA : IL DIVERSO COLORE DELLA PELLE, PERCHE’ IN OGNI NAZIONE I POPOLI “AUTOCTONI”, SI ARROGANO IL DIRITTO DI SENTIRSI SUPERIORI AL RESTO DELLA GENTE CHE NON E’ NATA LI’ MA MAGARI E’ STATA OBBLIGATA A TRAFERIRCISI PER LAVORO O ADDIRITTURA PER AVER SALVA LA VITA, SCAPPANDO DA UN PAESE IN LOTTA.
ORA NON STO DICENDO CHE SOLO GLI OSPITANTI SIANO “CATTIVI” PERCHE’ SICURAMENTE ANCHE NEGLI OSPITI CI SONO LE “MELE MARCE”, MA PICCHIARE ED UCCIDERE A SPRANGATE UN RAGAZZO DI COLORE SOLO PER UNA FRASE OFFENSIVA O IL FURTO DI QUALCHE CARAMELLA, AIZZANDOGLI CONTRO MAGARI UN GRUPPETTO INTERO DI “CITTADINI PERBENE CHE VOGLIONO SOLO DIFENDERE IL QUARTIERE DAGLI STRANIERI”, MI SEMBRA QUANTOMENO UNA REAZIONE DA PSICOPATICI.
COME SE A MIO FIGLIO LA MAESTRA TAGLIASSE LE DITA PERCHE’ HA IMBRATTATO IL FOGLIO DEL COMPITO……
IL FATTO CHE QUESTI GESTI SIANO ESASPERATI DA UNA MATRICE RAZZISTA LO SI CAPISCE DALLE PAROLE CON CUI VENGONO APOSTROFATE QUESTE PERSONE, PAROLE DI SDEGNO, COME SE IL COLORE DIVERSO DETERMINASSE SCARSA IGIENE O MALAFFARE A PRESCINDERE.
SONO CONVINTA CHE LE CARRETTE DEL MARE CHE ANCORANO A LAMPEDUSA NON SIANO SOLO CARICHE DI FUTURI PUSHER, ASSASINI, DELINQUENTI IN GENERE MA ANCHE D I MADRI PADRI E FIGLI CHE A MALINCUORE HANNO LASCIATO I LORO AFFETTI A CASA, SPERANZOSI DI POTER TROVARE IN QUESTO NUOVO PAESE, UN MODO PER GUADAGNARE ONESTAMENTE ED AIUTARE I LORO CARI, SOGNANDO UN GIORNO CHISSA’ DI TORNARE NEL LORO PAESE, SENZA GUERRA, FAME …….E MORTE.

P.S. : IL PROBLEMA NON SONO LORO, MOLTE VOLTE IL PROBLEMA SIAMO NOI, INTENDENDO CON NOI GLI ORGANI PREPOSTI AL CONTROLLO ED ALL’ASSEGNAZIONE DI QUESTI DISPERATI, CHE SFUGGENDO DA UN PROBLEMA, SE NE VEDONO DI FRONTE MOLTI ALTRI.

………………ITALIANI CHI E’ SENZA PECCATO SCAGLI LA PRIMA PIETRA…………

 

d025d45f83ec0bc5ddd6d0d5c8f8c52c.jpeg

 

STORIE DI QUOTIDIANO RAZZISMO….(ovvero lo straniero è sempre il primo ad essere incolpato)ultima modifica: 2008-10-09T20:58:00+02:00da tatoia
Reposta per primo quest’articolo

9 pensieri su “STORIE DI QUOTIDIANO RAZZISMO….(ovvero lo straniero è sempre il primo ad essere incolpato)

  1. Roby tu hai perfettamente ragione ma qui c’è qualcosa
    di più, qualcosa che và al di là del razzismo ed l’esasperazione!!!! Una volta viaggiavo molto e restavo sorpresa da come vengono trattati gli stranieri all’estero.. Mio fratello si è fato un mese di carcere in Turchia solo per aver rischiato la vita in un incidente automobilistico, e già … da quelle parti se provochi un incidente ti portano in carcere. Ma NON le nostre carceri con TV, pasti buoni e tanta luce… un carcere con animali putrefatti e acqua putrida da bere, non un raggio di luce e botte!!! Per non parlare di altri Paesi dove se ti vedono buttare una carta per terra ti prendono a sprangate nella schiena.
    Ora mi chiedo… per quale cavolo di motivo noi dobbiamo sottostare alle loro leggi mentre qui entra ed esce chiunque senza che vengano puniti per ciò che commettono??? Come quel musulmano che voleva togliere la croce dalla classe… no dico…. prova un pò tu a dire loro di togliere Allah dalle loro classi… ti tagliano la lingua!!!!
    Chiedi ad Eliny cosa hanno fatto al suo ragazzo!
    Ora non mi riferisco certo al povero ragazzo di colore preso a sprangate, ma era per farti capire che la gente è stanca, nonne può più di questo via vai di gente incontrollata che pensa di venire nel Paese dei Campanelli. Arrivano con mezzi di fortuna sulle nostre coste e vengono accuditi, sfamati e messi al caldo. Mi piacerebbe provare a fare il contrario… probabilmente con un bazuka ti rispedirebbero a casa tua insieme alla tua bagnarola! Sono razzista per questo? Si .. forse si… ma lo sarei con una qualsiasi altra persona che non si attenesse alle normali regole così come fanno in tutti gli altri Paesi e qui bianchi e neri non c’entrano!
    Opsssssssss scusa se mi sono così dilungata!
    Baciotto!
    Simona

  2. Simona hai ragione ma perche’ quando succede qualcosa in Italia si indaga sempre per PRIMA fra le comunita’ nere, rom, e stranieri in genere, questa “stanchezza” che c’è nel popolo italiano è giusta dal punto di vista del “accettiamo tutti” infatti ho ribadito il concetto che sarebbe opportuno che il governo facesse per limitare l’abnorme afflusso di disperati sulle nostre coste e sono daccordissimo con te sul fatto che siamo troppo di “manica larga” con i criminali rispetto ad altri paesi e aborro anche io l’idea di far togliere il crocefisso dai luoghi pubblici essendo il NOSTRO paese, ma essere stanchi del crimine è un conto, giudicare colpevole senza appello sempre PRIMA uno straniero è un’altro …secondo me.

  3. Roberta, ciao.
    Complimenti per il tuo post. L’ho letto con molta attenzione e devo dire che sono d’accordo con te. Come non esserlo del resto. Il fatto è anche un altro. Che la nostra classe politica ha tutto l’interesse a distrarci su queste problematiche, che comunque esistono. In questo modo possono fare indisturbati i lo porci comodi approvando leggi che uccidono la democrazia. Semmai ce ne fosse ancora una.

    buon fine settimana
    a presto
    mimmo

  4. Roberta… grazie per la tua simpatia e per i tuoi “premi” :-D… assolutamente immeritati da parte mia.. credimi… 🙂
    Grazie di cuore, ho già prelevato le immagini, e, seguendo il regolamento, li pubblicherò al più presto sul mio blog…
    Un abbraccio grande
    Maurizio

    P.S.: nel post in cui accennavi al compleanno del tuo frugoletto… avevo postato un link ad un’immagine della Disney, ma non ha funzionato 🙁

    A presto

Lascia un commento